In Puglia gli asili nido saranno coordinati dai pedagogisti

aIl 20 dicembre 2006, la giunta regionale pugliese, ha approvato il regolamento attuativo della legge regionale n° 19 del 10 luglio 2006.

L'Anpe (rappresentata dalla Dott.ssa Eufrasia Capodiferro) e l'ANPE-REGIONE PUGLIA (rappresentata dalla Dott.ssa Luisa Verdoscia) hanno seguito il lungo lavoro di concertazione: partecipando  ai tavoli di concertazione, presentando numerosi documenti ed emendamenti alle varie bozze  del testo di legge prima, del regolamento attuativo poi,   partecipando alle audizioni che hanno riguardato gli ordini e le associazioni professionali.

Il regolamento rappresenta uno strumento normativo che non risponde ai principi e alle posizioni ufficiali dell'ANPE, prevalentemente, per quanto è  stato sancito nell'art. 46.

Anche l'art. 21 non soddisfa per il convolgimento  che le associazioni professionali potrebbero avere  nella gestione di sperimentazioni e servizi alla persona, tant'è, che tale posizione,  ha spinto la sede nazionale e le sedi periferiche dell'ANPE a dotarsi di una propria branche operativa ed imprenditoriale.

In quali servizi troveranno valorizzazione le competenze dei professionisti della pedagogia?

Nei servizi rivolti ai minori:

comunità familiare, art. 47 è prevista la consulenza dei pedagogisti;

nella comunità educativa, art. 48; nella comunità di pronta accoglienza, art. 49; nella comunità  alloggio, art. 50; nel centro socio- educativo, art. 50  è previsto il coordinamento affidato  ai professionisti dell'area socio-psico-pedagogica;

negli asili nido, art. 53,  è previsto il coordinamento pedagogico.

handicap:

Nella residenza sociale-assistenziale dei diversamente abili, art.59, è previsto il coordinamento affidato  ai professionisti dell'area socio-psico-pedagogica;

persone con problematiche psico-sociali:

Gruppi appartamento per gestanti e madri con figli a carico, art. 75, è previstsa la presenza programmata dei Pedagogisti;

Le professionalità pedagogiche trovano valorizzazione anche nei seguenti servizi:

centro ludico prima infanzia, art. 90, in qualità di coordinatori pedagogici;

nel servizio per l'integrazione scolastica e sociale extrascolastica dei diversamente abili, art. 92, quali componenti dell'équipe;

nel centro di ascolto per le famiglie e servizio di sostegno alla famiglia e alla genitorialità, art. 93, quali professionsti in organico;

nella mediazione familiare, art. 94;

nella comunita familiare o casa famiglia, art. 95, come consulenti;

nel servizio di affidamento familiare minori, art. 96, come componenti dell'èquipe;

nel centro aperto polivalente per minori, art. 104, sono individuati quali coordinatori i professionisti dell'area socio-psico-pedagogica.

Per quanto è stato fatto a tutela della dignità e della professionalità dei pedagogisti pugliesi , pur nei limiti di un canovaccio normativo che non sempre e non in tutte le parti ha difeso la specificità degli specialisti dell'educazione,  si ringrazia la giunta regionale pugliese,  l'Assessora Elena Gentile,  la Dott.ssa Annamaria Candela, la commisione Servizi Sociali.

Copyright ANPE - Tutti i contenuti sono di proprietà dell'ANPE, ne è vietata la riproduzione.

Designed by RC Service - Servizi Web